Dal 25 novembre 2014, ristoranti, bar e pubblici esercizi devono presentare a tavola solo bottiglie d’olio d’oliva vergini con tappo antirabbocco. Lo stabilisce la legge 161/2014 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale

 

 – COSA DICE LA NORMATIVA E CHI DEVE ADEGUARSI ?

Per Legge con il termine “tappo antirabbocco”, si intende un “idoneo dispositivo di chiusura in modo che il contenuto non possa essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata. Inoltre è  provvisto di un sistema di protezione che non ne permette il riutilizzo dopo l’esaurimento del contenuto originale indicato nell’etichetta”

Ristoranti, bar e pubblici esercizi dovranno presentare a tavola solo bottiglie d’olio d’oliva vergini con tappo antirabbocco. Lo stabilisce la legge 161/2014 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale che all’articolo 18, comma 1 c) dice: “Gli oli di oliva vergini proposti in confezioni nei pubblici esercizi, fatti salvi gli usi di cucina e di preparazione dei pasti, devono essere presentati in contenitori etichettati conformemente alla normativa vigente, forniti di idoneo dispositivo di chiusura in modo che il contenuto non possa essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata e provvisti di un sistema di protezione che non ne permetta il riutilizzo dopo l’esaurimento del contenuto originale indicato nell’etichetta”.

 

– QUANDO?

Dal 25 novembre 2014 è in vigore la presente normativa a carico di tutti i soggetti obbligati.

 

– QUALI SONO LE SANZIONI?

La sanzione prevista, per chi non adotta bottiglie con idoneo tappo antirabbocco, varia da 1.000 a 8.000 euro, con confisca del prodotto. La legge non prevede alcun tempo di adeguamento, neanche per l’esaurimento delle scorte in magazzino.

 

CONTATTACI!

SAREMO I TUOI MIGLIORI ALLEATI

www.area-sicurezza.it